Guidaedilizia.it

Prodotti

Aziende

Shop

GuidaEnergia.it

Registrati Gratis

Versione Italiana

GuidaEnergia News

GuidaEnergia.it - Informazioni e Notizie dalle energie rinnovabili e del risparmio energetico

lunedì 9 novembre 2015  |  Eventi, Convegni, Fiere

Key Energy: presentati la Carta per il rinnovamento eolico e il Position Paper di Anev

Siglato il documento che fissa criteri e regole per il potenziamento dei vecchi impianti eolici e illustrato un report per l’ottimizzazione del mercato elettrico italiano

Key Energy: presentati la Carta per il rinnovamento eolico e il Position Paper di Anev


Semplificare l'iter per rinnovare il parco eolico italiano più obsoleto, condividendo criteri e modalità di attuazione con tutti gli attori pubblici e privati coinvolti. È questo, in sintesi, l'obiettivo della “Carta per il rinnovamento eolico sostenibile” firmata a Key Energy, il salone dedicato all'Energia e alla Mobilità Sostenibili che si è tenuto in contemporanea ad Ecomondo, il grande appuntamento espositivo internazionale di Rimini Fiera dedicato alla green economy.
 
Il documento, sottoscritto da E2i, Enel Green Power, ERG Renew, Falck Renewables, IVPC, oltre che da Legambiente e Anci, punta a identificare regole operative, criteri applicativi, standard, procedure che garantiscano efficacia e trasparenza nei progetti di rinnovamento di quella parte di centrali eoliche che hanno superato i dieci anni di vita e necessitano di un rinnovamento: impianti per 2.000 MW di potenza, sui 9.000 MW installati in Italia.
Il revamping dovrebbe essere realizzato a partire da una maggiore efficienza energetica dell'impianto, in grado di ridurre, per esempio, il numero delle pale eoliche a parità di potenza erogata.
 
L'innovazione tecnologica - ha detto Marco Peruzzi, presidente di E2i - ci consente di aumentare la produzione utilizzando le infrastrutture esistenti. Abbiamo deciso di darci un obiettivo comune a tutte le aziende coinvolte, nell'obiettivo di mettere a disposizione di tutti gli stakeholder norme e standard che facilitino l'upgrading degli impianti a tutti i livelli”.

Per Paolo Romanacci di Enel Green Power, “sostenibilità significa legame tra ambiente e territorio, vale a dire opportunità e ricadute economiche anche per le comunità locali”.

La carta della sostenibilità - ha aggiunto Lucia Bormida di Erg - serve anche per far conoscere meglio quello che già facciamo a tutti tavoli istituzionali”.

Con questo documento - rileva Luca Palenga di Falck Renewables - ci piacerebbe stimolare il regolatore al fine di sostenere l'economia circolare anche nel settore delle rinnovabili”.
 
L’eolico è stato presente a Key Energy con Key Wind, l'evento giunto alla terza edizione, organizzato in collaborazione con Anev, l’Associazione Nazionale Energia del Vento.
In questa occasione, Anev ha presentato un suo Position Paper sul mercato elettrico dal titolo “Strategie e metodi per la riforma del mercato elettrico italiano”.

Il report tecnico, presentato dal Segretario Generale Anev, Davide Astiaso Garcia, ed elaborato nell’ambito del Gruppo di Lavoro Mercato dell’Anev, si prefigge di delineare un ventaglio di strategie per l’ottimizzazione del mercato elettrico, con particolare riferimento al comparto eolico, seguendo tre principi fondamentali: tutela degli investimenti, scalabilità ed efficienza del sistema elettrico.

Anev, dopo un’attenta analisi delle soluzioni adottate da altri mercati europei, ribadisce che l’integrazione delle rinnovabili nel mercato elettrico richiede, in primis l’adozione di un quadro regolatorio caratterizzato da una flessibilità che permetta il loro massimo sfruttamento.
In questa ottica appaiono essere particolarmente positive quelle regole e modalità di funzionamento dei mercati che permettono di far fronte nel modo più efficiente possibile alla aleatorietà della produzione, quali: l’avvicinamento al tempo reale delle sessioni di mercato; l’evoluzione del mercato verso la trattazione continua; la  possibilità di presentare offerte riguardanti più periodi rilevanti; l’aggregazione dell’offerta in ambiti territoriali omogenei; la possibilità per l’operatore FER di dispacciare nell’ambito del proprio “perimetro d’equilibrio”; l’eliminazione di vincoli che impediscono la stipula di contratti bilaterali a lungo termine, promuovendo, sul lato domanda, forme di aggregazione (comunità di utenze private, pubbliche, o miste) come già avviene in Germania e Danimarca ed è previsto dall’art. 11 del D. Lgsl. 102/2014; l’utilizzo della produzione tradizionale in funzione di back-up.

Inoltre, considerando che la progressiva integrazione del mercato elettrico italiano con quelli degli altri Paesi Europei, a iniziare da quelli confinanti (processo di market coupling), richiede la convergenza delle regole di mercato, si evidenzia che tra le novità in corso di introduzione c’è anche quella dei prezzi negativi, vale a dire la possibilità che in esito alle sessioni di mercato il prezzo possa risultare negativo.
In proposito, Anev sottolinea quanto tale fenomeno possa essere particolarmente penalizzante per le FER che, per non rischiare di perdere la priorità di dispacciamento, si troveranno costrette ad offrire prezzi negativi rinunciando a parte dei propri ricavi, innescando una rischiosa concorrenza al ribasso con i termoelettrici che potrebbero essere disposti a offrire in negativo per rimanere accesi.

In aggiunta, uno degli elementi fondamentali del processo di integrazione dovrebbe consistere nell’abilitazione delle FER al MSD (Mercato dei Servizi di Dispacciamento), su base volontaria, auspicando per gli impianti eolici esistenti, lo sviluppo di meccanismi di incentivazione per interventi innovativi (es: sistemi di accumulo o per retrofit degli impianti) volti a consentire agli impianti FER di fornire servizi di dispacciamento.

Tra le altre strategie individuate da Anev, emerge la necessità di una riforma del dispacciamento tramite aggregazione della produzione da FER e previsione della produzione, oltreché utilizzando meccanismi di integrazione con imprese di consumo.

A fronte di ciò, Anev si aspetta un impegno del Governo italiano per una revisione efficace del sistema ETS, l’assegnazione di incentivi indifferenziati tra diverse tecnologie, sgravi fiscali e revisione della fiscalità energetica, l’utilizzo di sistemi di accumulo per la gestione degli impianti FER aggregati ed infine la predisposizione di contratti di fornitura di lungo termine (long term PPA - Power Purchase Agreements) che, se opportunamente dimensionati, potrebbero tutelare gli acquirenti dalla volatilità dei mercati e assicurare ai produttori ricavi costanti rispetto alle fluttuazioni del prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica, favorendo la bancabilità dei progetti.

News piu lette del mese
News in primo piano
GuidaShop
Intellicad

Intellicad

Software professionale per il disegno CAD

Prezzo di copertina: € 96,00

In Offerta a: € 91,20

Piante e botanica

Piante e botanica

Librerie di simboli per CAD

Prezzo di copertina: € 20,00

In Offerta a: € 19,00

Titolo abilitativo all'esecuzione dei lavori

Titolo abilitativo all'esecuzione dei lavori

Prezzo di copertina: € 39,00

In Offerta a: € 37,05

Video Corso Di Revit Achitecture 2010

Video Corso Di Revit Achitecture 2010

Il Video Corso di Revit Achitecture 2010 è segnalato sul sito di Autodesk® come uno dei più importanti supporti tutt' ora disponibili.

Prezzo di copertina: € 99,00

In Offerta a: € 78,00

15/11/2018

Da Ecomondo e Key Energy uno slancio alla green economy

Da Ecomondo e Key Energy uno slancio alla green economy

I saloni dedicati a economia circolare e energie rinnovabili sono stati ancora una volta un riferimento europeo per imprese e istituzioni nella transizione verso l'economia del futuro

20/09/2018

‘Green city’, a Bologna la prima Conferenza nazionale

‘Green city’, a Bologna la prima Conferenza nazionale

La necessità di una nuova e più concreta visione per le città ha alimentato analisi ed elaborazioni che hanno portato al cosiddetto “green city approach”

23/11/2017

La circular economy protagonista a Ecomondo e Key Energy

La circular economy protagonista a Ecomondo e Key Energy

L'appuntamento di Rimini firmato da Italian Exhibition Group chiude con 116.131 presenze (+10%), con oltre 12.000 presenze internazionali

17/05/2017

Il programma convegni di Key Solar e Key Energy di Rimini

Il programma convegni di Key Solar e Key Energy di Rimini

Prevista una nuova corsa agli impianti fotovoltaici con potenza inferiore ai 20 kW. Proprio su di essi è focalizzato il ricco programma degli eventi in cartellone dal 7 al 10 novembre

GuidaDossier
News dalle Aziende

lunedì 7 settembre 2015

Autunno 2015 in fiera con BRUGG Pipe Systems

Come da tradizione, l’azienda piacentina sarà presente ad alcune delle principali fiere settoriali italiane. Diversi gli appuntamenti che si terranno da settembre a novembre

lunedì 31 agosto 2015

Brugg Pipe Systems: tubazioni posate in orizzontale o in verticale, parola d’ordine ‘flessibilità’

Il sistema di tubazioni CALPEX rappresenta il massimo grado di evoluzione, grazie a flessibilità, basso impatto energetico, affidabilità e rapidità di installazione

mercoledì 15 luglio 2015

Impianti fotovoltaici trifase: una soluzione ‘smart’ dedicata all’autoconsumo

PRO SMART di 4-noks, abbinato al sistema di monitoraggio Elios4you Pro, permette di sfruttare al massimo l’energia autoprodotta di impianti fotovoltaici fino a 30kW