Guidaedilizia.it

Prodotti

Aziende

Shop

GuidaEnergia.it

Registrati Gratis

Versione Italiana

GuidaEnergia News

GuidaEnergia.it - Informazioni e Notizie dalle energie rinnovabili e del risparmio energetico

mercoledì 2 gennaio 2019  |  Bioedilizia

Clima: ecco i Paesi promossi e bocciati

L'annuale rapporto di Germanwatch sulla performance climatica dei principali Paesi del mondo conferma come si stia facendo ancora troppo poco

Clima: ecco i Paesi promossi e bocciati


Le azioni messe in campo, nonostante alcuni timidi passi avanti, non rispondono all’urgenza di combattere i cambiamenti climatici e sono inadeguate a dare piena attuazione agli obiettivi di lungo termine fissati nell’Accordo di Parigi. La conferma arriva dall’annuale rapporto di Germanwatch sulla performance climatica dei principali paesi del mondo, realizzato in collaborazione con CAN e NewClimate Institute e per l’Italia con Legambiente, presentato a Katowice, in Polonia, dove s’è svolta la conferenza Onu sul clima.

Nel rapporto si prende in considerazione la performance climatica di 56 paesi, più l’Unione Europea nel suo complesso, che insieme contribuiscono al 90% delle emissioni globali. Anche quest’anno le prime tre posizioni della classifica non sono state attribuite, perché nessuno dei paesi ha raggiunto la performance necessaria per contrastare in maniera efficace i cambiamenti climatici e non superare la soglia critica di 1.5°C.

Al quarto posto della classifica si conferma la Svezia, con un’ottima performance nella riduzione delle emissioni e una continua crescita delle rinnovabili, seguita dal Marocco, che consolida la sua leadership tra i paesi in via di sviluppo grazie ai considerevoli investimenti nelle rinnovabili e a un’ambiziosa politica climatica. Tra i paesi emergenti, l’India ha fatto un importante passo in avanti posizionandosi all’11° posto, grazie ad una buona performance climatica dovuta alle basse emissioni pro-capite e al considerevole sviluppo delle rinnovabili.

Perde sette posizioni, invece, l’Italia, che scende al 23esimo posto rispetto al 16esimo dello scorso anno. Risultato raggiunto, nonostante una buona performance nell’uso di energia, per il rallentamento dello sviluppo delle rinnovabili e soprattutto per l’assenza di una politica climatica nazionale (28a posizione) adeguata agli obiettivi di Parigi. Le emissioni nel 2017 sono diminuite, infatti, di appena lo 0.3% rispetto all’anno precedente con una riduzione solo del 17.7% rispetto al 1990.

“Tutti i governi europei sono chiamati a fare la loro parte, a partire dall’Italia - dichiara Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente -. Una prima importante risposta deve arriva dal Piano Nazionale Clima-Energia, che dovrà essere trasmesso alla Commissione europea entro la fine di dicembre, nel quale vanno introdotti obiettivi più ambiziosi di quelli attualmente previsti in Europa per il 2030. Un impegno indispensabile non solo per tradurre in azione l’Accordo di Parigi, ma soprattutto per accelerare la decarbonizzazione dell’economia europea. Solo così sarà possibile vincere la triplice sfida climatica, economica e sociale, creando nuove opportunità per l’occupazione e la competitività delle imprese europee, attraverso una giusta transizione che non penalizzi i meno abbienti e le aree periferiche. Una sfida che l’Europa e l’Italia non possono fallire”.

Il rapporto di Germanwatch misura le performance dei vari paesi attraverso il Climate Change Performance Index (CCPI), prendendo come parametro di riferimento gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e gli impegni assunti al 2030. Il CCPI si basa per il 40% sul trend delle emissioni, per il 20% sullo sviluppo sia delle rinnovabili che dell’efficienza energetica e per il restante 20% sulla politica climatica.

In questo contesto, l’Unione europea nel suo complesso fa un piccolo passo in avanti posizionandosi al 16° posto, rispetto al 21° dello scorso anno, grazie ad una politica climatica, più avanzata rispetto a quella degli altri grandi leader mondiali, che ha l’obiettivo di raggiungere entro il 2050 zero emissioni nette.

La Germania, invece, conferma il suo trend negativo, posizionandosi al 27° posto. Performance dovuta alla quota ancora considerevole del carbone nel mix energetico nazionale, senza ancora una decisione sul suo phasing-out, ed all’assenza di una strategia per la decarbonizzazione dei trasporti.

I prossimi 12 anni, come evidenzia l’Emissions Gap Report appena pubblicato da UN-Environment, saranno cruciali. Per non superare la soglia critica di 1.5°C, le emissioni globali devono essere dimezzate entro il 2030 rispetto al livello registrato nel 2017.

L’impegno dell’Europa, seppur positivo, non è ancora sufficiente - continua Zanchini -. È necessaria una Strategia climatica di lungo termine in grado di accelerare una giusta transizione verso un futuro rinnovabile e libero da fonti fossili. Primo passo in questa direzione è l’aumento dell’attuale target europeo del 40% al 2030. In Europa ci sono tutte le condizioni per sfruttare appieno le nostre potenzialità economiche, imprenditoriali e tecnologiche, andando ben oltre il 55% di riduzione delle emissioni entro il 2030, proposto già da diversi governi europei e dall’Europarlamento, in modo da poter raggiungere zero emissioni nette entro il 2040”.

Tornando alla classifica del Germanwatch, c’è da evidenziare che, per la prima volta, la Cina lascia le retrovie e raggiunge il centro della classifica, posizionandosi al 33° posto, grazie ad una politica climatica più incisiva, che ha adottato norme più stringenti per la riduzione delle emissioni nei settori industriale ed abitativo, e all’introduzione di un efficace regime di sostegno delle rinnovabili.

In fondo alla classifica si posizionano l’Arabia Saudita (60) e gli Stati Uniti (59). Con Trump gli USA sono indietreggiati in quasi tutti gli indicatori compromettendo i passi in avanti degli scorsi anni. Tuttavia segnali positivi giungono dall’inedita Alleanza per il Clima (oltre tremila tra stati, città, imprese nazionali e multinazionali, università e college), che sta lavorando per mantenere gli impegni assunti a Parigi attraverso un’azione congiunta che bypassa l’amministrazione federale.

News piu lette del mese
News in primo piano
GuidaShop
Intellicad

Intellicad

Software professionale per il disegno CAD

Prezzo di copertina: € 96,00

In Offerta a: € 91,20

Piante e botanica

Piante e botanica

Librerie di simboli per CAD

Prezzo di copertina: € 20,00

In Offerta a: € 19,00

Titolo abilitativo all'esecuzione dei lavori

Titolo abilitativo all'esecuzione dei lavori

Prezzo di copertina: € 39,00

In Offerta a: € 37,05

Video Corso Di Revit Achitecture 2010

Video Corso Di Revit Achitecture 2010

Il Video Corso di Revit Achitecture 2010 è segnalato sul sito di Autodesk® come uno dei più importanti supporti tutt' ora disponibili.

Prezzo di copertina: € 99,00

In Offerta a: € 78,00

14/01/2019

Come procede la transizione energetica in Italia?

Come procede la transizione energetica in Italia?

Quante sono le nuove installazioni sul nostro territorio? A queste domande risponde l'Osservatorio Anie sulle rinnovabili elettriche, basato sui dati Gaudì

10/01/2019

Piano nazionale per Energia e Clima, un cambiamento radicale

Piano nazionale per Energia e Clima, un cambiamento radicale

L’invio alla Commissione europea è avvenuto nel rispetto del Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio 2016/0375 sulla Governance dell’Unione dell’energia

09/01/2019

La delusione di Legambiente dopo la Conferenza sul Clima

La delusione di Legambiente dopo la Conferenza sul Clima

Ciafani: “Risultato debole e in forte contrasto non solo con il grido di allarme lanciato dall’IPCC, ma anche con la crescente mobilitazione dei cittadini, soprattutto giovani”

08/01/2019

Impianti sportivi più efficienti grazie a un accordo

Impianti sportivi più efficienti grazie a un accordo

Gli interventi sulle infrastrutture sportive rivestono infatti un ruolo centrale sia in termini di riduzione dei costi di gestione che di valorizzazione dell'offerta

GuidaDossier
News dalle Aziende

lunedì 7 settembre 2015

Autunno 2015 in fiera con BRUGG Pipe Systems

Come da tradizione, l’azienda piacentina sarà presente ad alcune delle principali fiere settoriali italiane. Diversi gli appuntamenti che si terranno da settembre a novembre

lunedì 31 agosto 2015

Brugg Pipe Systems: tubazioni posate in orizzontale o in verticale, parola d’ordine ‘flessibilità’

Il sistema di tubazioni CALPEX rappresenta il massimo grado di evoluzione, grazie a flessibilità, basso impatto energetico, affidabilità e rapidità di installazione

mercoledì 15 luglio 2015

Impianti fotovoltaici trifase: una soluzione ‘smart’ dedicata all’autoconsumo

PRO SMART di 4-noks, abbinato al sistema di monitoraggio Elios4you Pro, permette di sfruttare al massimo l’energia autoprodotta di impianti fotovoltaici fino a 30kW